Il Parco dei Gessi si riqualifica

Cespuglio al Parco dei GessiLa Giunta di palazzo Malvezzi ha approvato la Convenzione tra Provincia ed Ente di Gestione del Parco regionale dei Gessi Bolognesi e Calanchi dell’Abbadessa (visitato da alcuni di noi, guidati da Marco, in una memorabile gita in bicicletta nell’aprile 2007) per la realizzazione di interventi di “Riqualificazione naturalistica degli ambiti fluviali”.

Con questa delibera la Giunta provinciale si impegna ad erogare all’Ente Parco 60.000 euro, somma coperta interamente dal finanziamento regionale per interventi ambientali.

Gli interventi previsti comprendono:

  • manutenzione straordinaria della fascia boscata limitrofa ai corsi d’acqua;
  • sistemazione delle sponde in zone in erosione e ricostruzione della fascia di riva nei tratti compromessi da un improprio utilizzo per orti, piccoli manufatti, recinzioni e microdiscariche;
  • manutenzione straordinaria del “lungo fiume” per ridurre l’impatto della fruizione sulle componenti naturali mediante la sistemazione dell’assetto dei percorsi esistenti, realizzando anche varianti ai tracciati attuali, posizionando staccionate e cartelli (questi interventi interesseranno sia il Torrente Zena a sud di Casa Fantini che il Torrente Savena);
  • tutela e valorizzazione della biodiversità (con particolare riferimento agli habitat ed alla fauna di interesse comunitario, alla fauna minore e alla flora regionale protetta) attraverso l’apposizione di segnaletica, sistemazione spondale, posa di nidi artificiali, creazione di cataste di legna, creazione di piccole pozze d’acqua, ecc

“Questo intervento – spiega l’assessore provinciale all’Ambiente Emanuele Burgin – è significativo perché da un lato crea nuovi spazi a contatto con la natura usufruibili dai cittadini, dall’altro ci aiuta a fronteggiare meglio situazioni di criticità che, anche recentemente, abbiamo vissuto in occasione delle piene dei nostri fiumi, spesso dovute alla scarsa cura o all’abbandono delle zone fluviali”.

“Si tratta di un intervento molto importante – ha dichiarato Giorgio Archetti, Vice sindaco di San Lazzaro con delega alla qualità ambientale – il cui significato va ben oltre la dimensione puntuale e specifica, dimostrando che le aree demaniali, in passato degradate perché nei fatti “terre di nessuno”, possono essere recuperate per assicurare una funzione sociale ed ambientale di interesse generale”.

Scrivi un commento

Puoi usare questi tags:

Question   Razz  Sad   Evil  Exclaim  Smile  Redface  Biggrin  Surprised  Eek   Confused   Cool  LOL   Mad   Twisted  Rolleyes   Wink  Idea  Arrow  Neutral  Cry   Mr. Green

[obbligatorio per gli utenti non registrati]


Vai alle statistiche del sito